dimarts, 15 de desembre de 2009

Ramazzoto

L’ispettore Feliu Oyono, nella carta inviata al superagente Pardo, diceva che non era stata fatta alcuna autopsia ai cadaveri del Santissimo Padre, la signora Reincarnazione Palomino, Dionisos Papallona, sor Neguera e il capitano Superflipo, perché i corpi erano senza vita, ma… non erano morti! Els metges forenses avevano trovato tracce di digital. I corpi non tenien segnali vitali, ma tampoc non erano degradati o decomposti, come passa con i morti. Per questo motivo, non erano stati ancora sepolti. In definitiva, il caso non era un omicidio, ma un furto delle anime dei cinque personaggi. «Un fenomeno paranormale? Qualcosa di soprannaturale? Un caso di vudù? È possibile recuperare la vita dei cinque corpi?», si domandava Oyono.

Io vado a dare una mano a l’ispettore e al superagente Pardo. Ho fatto una analisi stilistica di testi d’Eros Ramatxoto e ho concluso che scrive esattamente come il capitano Superflipo. Ecco la mia ipotesi: Può essere che l'anima di Superflipo sia stata reincarnata come un personaggio canaglia abituato a fare tota classe d’ordini sporchi. Ero sembra un palíndrom d’Ore —[Ero]s Ramatxoto, Melchi[ore] Ramazzoto—. In vista del lavoro ripugnante e capitalista fatto per Ramatxoto, questo personaggio deu essere una reincarnazione de Melchiore Ramazzoto, nato nel 1464 e morto nel 1539, conosciuto come Armaciotto dei Ramazzotti e Ramazzotto da Forlì. O potrei tractar-se d’una nuova insorgenza del suo figlio Pompeo.

Entrambi personaggi sono stati condottieri. Le sue malefatte sono state sviluppate per l’Emilia Romagna, la Toscana, le Marche, il Lazio e la Lombardia. Entrambi anno fatto il lavoro sporco per signori diversi. Erano, per tanto, malandrini, malfattori e bastardi. Melchiore romangué orfano per la morte del padre Alessandro, ucciso per interessi privati. L’assassino, più tardi, caigué nelle sue mani. Melchiore milità al servizio dei Medici e di Giovanni Bentivoglio —che lo invià a proteggere Faenza de le truppe di Cesare Borgia—. Con la caduta di Faenza, passà agli stipendi del duca Valentino. Alla morte del papa Alessandro VI, s’alià con i Malatesta per combattere le milizie del Borgia. Poi andó con gli aragonesi per combattere i francesi.

Ha combattuto per il papa Giulio II. Viene inviato in socors del duca di Ferrara Alfonso d’Este, di Giovan Francesco della Mirandola, di Prospero Colonna... Passà agli stipendi del papa Leone X, che conferí a Ramazzotto il titolo di conte. Sojornà a Roma. S’oferí al servizio dei veneziani. Ha cambiato de lati tante volte come era interessato. Morí in povertà a Pietramala. E’ sepolto in una piccola chiesa di Vaglie; più tardi les despulles saranno inviate alla chiesa di San Michele in Bosco in un monumento fatto costruire —da vivo— a sue spese. Quant a Pompeo Ramazzoto, va combatre inizialmente nelle compagnie di Giovanni Medici. Poi combaté i francesi agli ordini di Prospero Colonna. Assaltà Rimini e llançà fora Sigismondo Malatesta.

In definitiva, il figlio de Carmen Maireno e Santiago Carrillo (Pedro Carrillo de Maireno, anche conosciuto come “Mona Xita” e “Capitano Superflipo”, per la flatulenza che inducono les lentilles), potrei andare dando pel sacco als penjollaires, con i sui ERO. Capitano Superflipo, té bisogno d’un esorcista? Deixi il corpo de Ramazzoto e comporti’s come un autore normal. Deixi di vilipendiare la povera Peguie. ¿Sei nervoso perché non potete dare un petó negre alla signora Incarnazione Palomino? Digui al seu alter ego, il Santissimo Padre, di riprendere i colloqui d’ultratomba; dopo aver trascorso qualche tempo all’inframondo, deve avere un sacco di materiale. Tranquil·litzi’s, home! Arrivederci!

Guido Mattei

2 comentaris:

peguie ha dit...

Un post molt divertit. Ja era hora que algú li fotera canya al mico pelut...

Aprofite per agrair a tots i totes els que m'han votat al ERO. Ja veig que encara queda trellat als lectors i lectores, penjollers i penjolleres.

Salut.

Tadeus ha dit...

Pel que fa al sorgiment d'Eros Ramatxoto, tinc alguna cosa que dir.

Fa un temps, va aparéixer un personatge de flaire superflipiana anomenat ERO, amb molta mala llet i ganes de donar canya. Va proposar un ERO radical al Penjoll i finalment se'n va tornar per on havia vingut. També va aparéixer al meu blog, oferint els seus serveis propis de la inquisició. Llavors, dins de la broma, li vaig dir que em semblava un amargat, i que potser li aniria millor si en comptes d'ERO s'anomenés EROs, per allò de l'erotisme. Poc després, l'ERO original va desaparéixer sense deixar rastre, i ara torna amb el nom d'"Eros Ramatxoto"... L'ombra de Superflipo és allargada...